SAN MICHELE ARCANGELO



CHIESETTA ALPINA IN BRASILE
Monumento dedicato alla fede degli emigranti Intitolata a Papa Luciani, il Papa del Sorriso Perché tutti gli immigrati che non sono mai potuti tornare alla terra natale possano ricordarsi che sono arrivati in Brasile portando addosso un’unica ricchezza: la loro fede in Dio!

22 Novembre 2014 ORE 10.00 INAUGURAZIONE

La chiesetta, come viene affettuosamente chiamata, costruita sulla collina Boa Vista a Jaraguá do Sul – Brasile da cui si gode di una bellissima vista a 360° sulla vasta pianura circostante. Ha coinvolto diverse culture venute dalle regioni dalle Alpi e in modo speciale gli italiani. E' stata consacrata a Gesù Cristo, Signore di tutto, che dall’alto delle montagne cura e protegge il Suo popolo. E' dedicata a Papa Giovanni Paolo I, Albino Luciani, nato a Canale D’Agordo. Durante il corto periodo del suo pontificato ha conquistato il mondo con la sua semplicità e affabilità: i 33 giorni del suo papato, sono stati abbastanza perché divenisse conosciuto come il Papa del Sorriso.
La struttura in calcestruzzo con recinzioni in legno, rispetta le proporzioni della chiesetta di San Simon di Vallada Agordina nella Valle del Biois (Belluno).
All'interno
Dal 14 al 26 di novembre, una comitiva formata da dodici persone (tra cui gli alpini, alcuni giovani, due artisti, il sindaco di Canale e il presidente dell'Unione montana agordina) è partita dalla Valle del Bióis alla volta del Brasile per un evento di notevole importanza che ha coinvolto anche i vertici dell'associazione nazionale alpini. In quei giorni, infatti, è stata ufficialmente inaugurata, sulla collina Boa Vista a Jaraguà do sul, nel sud del Brasile, la chiesetta alpina voluta dai membri della comunità locale per ricordare la terra dalla quale a fine '800 emigrarono i loro avi. Quello realizzato in questi anni è infatti un edificio sacro che parla agordino a partire dalla forma che ricalca quella della chiesa monumentale di San Simon di Vallada, ma non solo. L'altare è stato costruito con la dolomia proveniente da San Tomaso, gli oggetti sacri erano stati donati dal vescovo Giuseppe Andrich e ci sono anche due panche in legno dolomitico realizzate dall'artigiano agordino Silvio Marmolada.

Prima della cerimonia finale, un tocco agordino.
«Durante il soggiorno in Brasile» spiega Luca Luchetta, presidente dell'Unione montana, ma soprattutto artefice assieme ad Iria Tancon del gemellaggio tra la Valle del Bióis e Massaranduba «daremo il nostro contributo per completare due opere: la chiesetta alpina e il capitello vicino. Nella prima il noto artista falcadino Franco Murer dipingerà un San Michele Arcangelo, mentre sul capitello lavorerà un'altra artista locale come Anna Marmolada. Inoltre, nella chiesa verranno esposte le forme in gesso della Via Crucis dedicata a papa Luciani lungo via Cavallera a Canale d'Agordo, realizzate sempre da Franco Murer».
L'auspicio è quello che un giorno si possano fare delle fusioni in bronzo per posizionare anche in Brasile le copie delle formelle di Canale.
«Si conclude un'opera davvero grande (132,35 metri quadrati, alta 28 metri, ndr) «dice Luchetta «posizionata in un posto non facile da raggiungere. Un'opera di notevole spessore per la cui inaugurazione saranno presenti anche il presidente dell'associazione nazionale degli alpini, Sebastiano Favero, e il suo vice Renato Zorio».

La visita della delegazione agordina conclude una tappa importante del gemellaggio tra le due comunità, ma il cammino di amicizia è destinato a proseguire. E a nel frattempo anche una fontana a lato del capitello è stata realizzata dal Presidente del gruppo ANA di Caviola: Celeste Scardanzan


Esterno chiesetta Alpina
Inizio lavori

Franco Murer all'inerno della chiesetta mentre lavora
Franco Murer al lavoro

Franco Murer mentre dipinge


Franco Murer all'inerno della chiesetta mentre lavora
Tavolozza
Inaugurazione
al microfono Elsa Marchiori e
il Coro Val Biois

Lavoro terminato
Lavoro interno capitello
Via Crucis da collocare
capitello terminato
Franco Murer con Luca Luchetta
Inaugurazione
Esterno chiesetta Alpina